Ton Zijlstra

 Ton Zijlstra è un libero professionista, specializzato in consulenze nell’ambito del “change management”. Il background di Ton spazia dalla filosofia alla tecnologia, a cui si aggiungono più di 15 anni di esperienza nell’ambito del knowledge management e del change management. Assieme a sua moglie, Elmine, vive a Enschede, nella zona orientale dei Paesi Bassi.

A partire dal 2008 è stato coinvolto in iniziative legate all’open data, che ritiene essere una delle principali sfide nel futuro della pubblica amministrazione, dei cittadini e delle imprese. Su questo tema ha lavorato e lavora con diverse organizzazioni governative nazionali e internazionali. Nel 2009 ha scritto il primo rapporto esplorativo sull’Open Data per il governo olandese, e per la stessa organizzazione, i primi piani per il portale nazionale nel 2010.

Nel 2008 è stato inoltre tra i co-fondatori del gruppo attivista olandese ‘Hack de Overheid‘ (Hack the government) che ha lo scopo di promuovere l’adozione di open data. Nella sua città, Enschede, ha attivato un gruppo open Data locale, e offre a titolo gratuito il suo tempo all’amministrazione comunale usando il motto “mi potete pagare rendendo pubblici i vostri dati”. Nella sua funzione di project leader per l’iniziativa ePSIplatform, si occupa della promozione e la facilitazione di progetti open data nell’ambito dell’Unione Europea, per conto della Commissione Europea.

Nel tuo tempo libero Ton lavora su un’altro fronte della rivoluzione digitale: digital manufacturing e FabLabs. È il presidente della FabLab Foundation di Belogio e Olanda, una rete di 13 FabLabs. Il progetto per quest’anno è la creazione di un mini-FabLab a casa sua. È inoltre membro del consiglio direttivo della community Ambtenaar 2.0 (Impiegato Statale 2.0), che si occupa del cambiamento dei metodi di lavoro nella pubblica amministrazione grazie all’uso di social-media, co-creation e open data.

Ton racconta i suoi interessi sul suo blog fin dal 2002.

Trackbacks

  1. […] erano le parole di Ton Zijlstra, uno degli oratori del convengo SOTN: “State Of The Net“, cosa succede in internet, un […]