Aperte le registrazioni. È la complessità il tema guida di #sotn13

Mancano 73 giorni a State of the Net 2013: stiamo lavorando sul programma, sugli ultimi accordi di partnership, e oggi apriamo le registrazioni. Oggi vogliamo raccontarvi di cosa parleremo a Trieste.

Sarà la complessità il tema guida di State of the Net 2013. Mentre internet ci permette ogni giorno di più di disintermediare le relazioni e abbattere i costi di transazione, le grandi organizzazioni del nostro tempo tendono al contrario a complicare sempre più il modo in cui operano e interagiscono con le persone. Per esempio, in ambito aziendale, assumendo consulenti e agenzie specializzate per fare quello che oggi chiunque può fare a costi molto contenuti, come usare Twitter o Facebook.

E, tuttavia, come si concilia l’esigenza di inseguire scenari di lungo periodo in un mondo che costringe a inseguire continui cambiamenti negli strumenti, nei metodi e nelle pratiche? Come adegueremo i nostri sistemi di pensiero, di produzione e di mercato in un’epoca che sembra non conoscere più la stabilità e ci sottopone a un’evoluzione sempre più rapida?

La complessità nei principali settori della vita e dell’economia costituirà dunque il filo conduttore lungo il quale si articolerà il programma della conferenza di quest’anno. Parleremo di aziende, di informazione, di politica, di musica. Parleremo naturalmente anche di crisi e di quali energie e specialità può mettere in campo l’Italia, posti i ritardi e le reticenze ben conosciute a livello internazionale, per tracciare una via d’uscita inedita e tutta sua dalle paludi del declino.

Non vediamo l’ora di cominciare a raccontarvi tutte le novità che bollono in pentola e svelarti i nomi degli ospiti che ci raggiungeranno a Trieste, dal 31 maggio al 1° giugno prossimi.

Beniamino Pagliaro, Paolo Valdemarin, Sergio Maistrello

Trackbacks

  1. […] decisionali: visto il tema di State of the Net che abbiamo scelto per l’edizione 2013 – la complessità, appunto – ci è sembrato naturale chiedergli di tornare a Trieste. E lui, che l’anno scorso spese […]