Carlo Petrini

carlo-petriniCarlo Petrini è gastronomo, giornalista e scrittore italiano. È il fondatore di Slow Food, un’associazione internazionale no profit nata nel 1989 che conta 100.000 iscritti in 150 Paesi e una rete di 20.000 comunità che praticano produzioni di cibo su piccola scala, sostenibili e di qualità.

Attraverso Slow Food, Petrini sostiene il cibo come portatore di piacere, cultura, tradizioni, identità e uno stile di vita, oltre che alimentare, rispettoso dei territori e delle tradizioni locali. Il motto di Slow Food è buono, pulito e giusto. Tre aggettivi che definiscono in modo elementare le caratteristiche che deve avere il cibo. Buono relativamente al senso di piacere derivante dalle qualità organolettiche di un alimento, ma anche alla complessa sfera di sentimenti, ricordi e implicazioni identitarie derivanti dal valore affettivo del cibo; pulito ovvero prodotto nel rispetto degli ecosistemi e dell’ambiente; giusto, che vuol dire conforme ai concetti di giustizia sociale negli ambienti di produzione e di commercializzazione.

Carlo Petrini è inoltre l’ideatore di manifestazioni come Cheese, dedicata alla filiera internazionale del latte, il Salone del Gusto, che si tiene ogni anno a Torino in ottobre, e Terra Madre, punto di incontro per la rete globale delle filiere a difesa dell’agricoltura, della pesca e dell’allevamento sostenibili, a favore del gusto e della biodiversità del cibo.

Nel 2004, Carlo Petrini è stato inserito dalla rivista Time tra gli eroi del nostro tempo. Nel 2008 The Guardian l’ha citato tra le 50 persone che potrebbero salvare il nostro pianeta.




Trackbacks

  1. […] fino alle lacrime. Toccato nel profondo, sono rientrato da Trieste, dopo una giornata passata a State of the Net, con una buona dose di seltz in […]

  2. […] in termini di culture, storie, religioni, ecosistemi. È così complesso, spiega il suo fondatore Carlo Petrini, che la cosa migliore è non gestirlo affatto. La rete definisce ideali comuni, che ciascun nodo […]