Doc Searls

doc-searlsAutore, giornalista, opinionista, accademico, blogger e fotografo, David “Doc” Searls è riconosciuto a livello mondiale come una degli analisti di riferimento per la comprensione del funzionamento della rete e delle sue conseguenze sull’economia e sulla società.

Nel 1999, Searls ha contribuito a segnare un’epoca nella relazione tra internet e marketing scrivendo insieme a Christopher Locke, David Weinberger e Rick Levine The Cluetrain Manifesto, un sito – divenuto poi libro e bestseller mondiale – che invitava aziende e mercati a cogliere le opportunità di comunicazione e interazione messe a disposizione dalla rete. La prima tesi, «i mercati sono conversazioni», è da allora una delle citazioni più frequenti nei testi di web marketing.

Nel suo ultimo libro, The Intention Economy. When Customers Take Charge, Doc Searls racconta come l’economia si stia ridisegnando in funzione della domanda più che dell’offerta e come le aziende potrebbero accogliere e valorizzare gli stimoli espressi dai consumatori, invece di competere per l’attenzione di massa. Il saggio nasce dal lavoro di ricerca di Searls alla guida del progetto Vendor Relationship Management, ideale contrapposizione al classico Customer Relationship Management aziendale, il cui scopo è ideare strumenti e pratiche che permettano ai consumatori di gestire in modo efficace le proprie relazioni con i produttori.

Searls collabora con il Berkman Center for Internet and Society della Harvard University, sede del Progetto Vrm, e con il Center for Information & Society della University of California a Santa Barbara, dove sta prendendo forma il suo nuovo libro sull’infrastruttura di internet, il cui titolo di lavoro è The Giant Zero.

Veterano del marketing, delle pubbliche relazioni e della pubblicità, ha contribuito a fondare Hodsking Simone & Searls, una delle agenzie di riferimento per la Silicon Valley negli anni ’80 e ’90, rilevata nel 1998 da Publicis Technology. Oggi presiede The Searls Group, la sua società di consulenza.

Sostenitore di lungo corso del software open source, Doc Searls è senior editor del Linux Journal, pubblicazione di riferimento nel settore. Articoli a sua firma sono comparsi sulle maggiori testate americane, tra cui Washington Post, Wired, PC Magazine, The Standard e Harvard Business Review.

Grande appassionato di fotografia, blogger seguitissimo fin dal 1999, nel 2005 ha ricevuto il Google/O’Reilly Open Source Award come miglior comunicatore. Nel 2007 è stato citato da eWeek come uno dei 100 personaggi più influenti nel mondo dell’Information Technology.

Trackbacks

  1. […] male anche il discorso di Doc Searls, altro veterano dell’ambiente, intenzionato a ricordare a tutti quanto sia importante […]

  2. […] il computer prima e le reti poi, così anche i dati sono destinati a diventare personali, sostiene Doc Searls. Per questo è giunto il momento di pensare alle Personal Clouds, piattaforme di gestione delle […]