Howard Rheingold a State of the Net 2013

howard-rheingoldUna sorpresa dell’ultimo minuto per i partecipanti a State of the Net 2013: nel corso della prima giornata della conferenza, infatti, avremo ospite in collegamento dalla sua casa in California Howard Rheingold, uno dei più eclettici studiosi dell’impatto sociale delle nuove tecnologie

Howard Rheingold sarà intervistato da Luca De Biase alle 18 di venerdì 31 maggio, in chiusura di programma.

Studioso di psicologia della conoscenza e affascinato dalla mente umana, Rheingold è stato uno dei primi ad analizzare l’uso dei computer come amplificatore della mente e dei network come estensione della socialità umana. I suoi saggi hanno puntualmente anticipato la consapevolezza dell’epoca. Con Tools for Though (1984) riscrive storia e prospettive dei personal computer proponendoli non tanto come strumenti di calcolo, ma come strumenti di supporto al pensiero. In Virtual Reality (1991) racconta i primi passi nella realtà virtuale.

Dall’esperienza dentro i primi sistemi di conferenze online che facilitavano l’aggregazione delle persone e l’interazione fra le competenze, ben prima che nascesse il web, vede la luce Virtual Reality (1993), un libro che ha segnato un’epoca, lasciando intravedere gli sviluppi sociali, economici e politici della socialità online.

Negli anni del boom di internet, Rheingold contribuisce a dar vita a siti sperimentali che provano a reinventare architetture, contenuti e sensibilità del web, come HotWired e Electric Minds. Nel 2002 racconta le sue comunità virtuali alla prova delle connessioni always on. Nasce così il suo libro forse più celebre, Smart Mobs.

Nel suo libro più recente, Perché la rete ci rende intelligenti (Net Smart, 2013), Rheingold si interroga infine sulla trasformazione di massa delle nostre attitudini di cittadini e consumatori, mettendo a fuoco le abilità fondamentali richieste a chiunque utilizzi la rete per socializzare, per informarsi e per lavorare.




Trackbacks

  1. […] si è dunque conclusa con una sorpresa dell’ultimo minuto: il collegamento su Skype con Howard Rheingold, autore di Smart Mobs e Net Smart, e niente popò di meno che uno dei riferimenti sui quali ho […]